Entro il 2019, grazie a progetti fotovoltaici ed eolici ottimizzati, sarà possibile ottenere energia elettrica a 3 centesimi di dollaro/kWh. Il dato è molto ridotto se pensiamo al prezzo attuale, fissato sui 5 – 17 centesimi di dollar/kWh per energia tramite combustibili fossili. A dirlo è il nuovo rapporto “Renewable Power Generation Costs in 2017” che è stato presentato ad Abu Dhabi durante l’assemblea dell’International renewable energy association (Irena).

Sul fronte italiano è previsto un target quantitativo del 28% di rinnovabili, da calcolare sui consumi complessivi al 2030, oltre a un target elettrico del 55%. Al tempo stesso è sottolineata l’intenzione di fermare la produzione di energia elettrica partendo dal carbone.

Gli obiettivi futuri delle energie rinnovabili

L’Irena vuole fornire una guida strategica e svolgere un ruolo chiave nel guidare una trasformazione energetica su scala globale. Nel report che è stato presentato, oltre ad inserire i risultati che sono già stati raggiunti grazie alle energie rinnovabili, sono presenti anche gli obiettivi futuri. Tra questi citiamo una ricerca sull’energia eolica, disponibile a un costo pari a qualsiasi altra fonte. Inoltre vi è grande attenzione sul fotovoltaico, argomento di cui tratta http://www.batteriadomestica.it, il cui prezzo è già diminuito del 73% se consideriamo i dati del 2010, per arrivare a un nuovo ribasso entro il 2020.

I nuovi progetti commissionati lo scorso anno, per il settore bioenergia e geotermia, hanno un costo medio globale di circa 7 centesimi di dollaro / kWh. Ennesimo dato che indica il buon andamento verso il futuro: entro il 2020 si ipotizza che le tecnologie per produrre energia rinnovabile sapranno battere sul prezzo i combustibili fossili.

Un provvedimento che ha creato grande scalpore e che ha fatto insorgere i cittadini italiani, più preoccupati di pagare i sacchetti di plastica leggeri che di dover fare i conti con l’aumento delle bollette e delle autostrade. Il 2018 è iniziato così: dal primo gennaio per imbustare frutta e verdura, ma anche carne, pesce bisogna pagare le sportine. C’è chi parla di una nuova stangata a discapito dei consumatori, come fa il Codacons, anche se Legambiente frena e spiega il perché sia errato parlare di caro spesa. Vediamo allora di fare insieme un quadro della situazione per capire verso che direzione ci stiamo muovendo.

Chi è contro e chi è a favore al pagamento delle buste spesa

Secondo il direttore generale di Legambiente, Stefano Ciafani, è giusto che le bioshopper siano a pagamento, con un costo che si aggira su 1, 2 cent a bustina. Se i commercianti decideranno di non rispettare la vigente normativa, rischiano di subire multe salate, anzi salatissime.

Il prossimo 16 e 17 marzo 2018 si terrà la giornata nazionale del volontariato, che sarà dedicata alla scuola e nello specifico alla qualità e alla vivibilità delle strutture.  Nontiscordardimé è un’iniziativa che prevede quindi la pulizia delle aule, operazioni di giardinaggio per piantare fiori nei cortili, eventuale ritinteggiatura degli spazi comuni, e tutto ciò che serve per aumentare il livello di accoglienza delle aule. Diventa quindi un momento importante per sostenere l’educazione per la cittadinanza attiva, invogliando i ragazzi a fare qualcosa per salvaguardare le bellezze di strutture e territorio.

Le azioni di rigenerazione degli spazi scolastici saranno avviate dai volontari insieme a studenti, ma anche dirigenti e docenti, oltre al personale ATA, per il miglioramento degli ambienti scolastici.

Il prossimo 21 novembre 2017 torna nelle scuole italiane un’importante iniziativa firmata Legambiente. L’associazione invita a mettere a dimora nuovi alberi, piantine o semi per poter così fare un importante regalo alle nuove generazioni. La Festa dell’albero 2017 permetterà così di poter scrivere, ancora una volta, una nuova pagina importante per il futuro del nostro territorio. Si tratta di un gesto molto semplice che segue però il principio di continuità, al fine di avere nelle città sempre più aree verdi. Le scuole avranno così la possibilità di aderire a un progetto che aiuta a restituire alla comunità locale delle zone prive di cemento, così da promuovere la sostenibilità. Sono coinvolti nel progetto numerosi bambini, insegnanti, genitori, ma anche i nonni e i volontari che vorranno prendervi parte.

Come fare per aderire alla Festa dell’albero?

 Le classi scolastiche che vogliono aderire alla campagna, possono effettuare un versamento di 10 euro (per classe) e potranno ricevere  la polizza assicurativa per i volontari, oltre al materiale utile per svolgere la campagna, la locandina promozionale e l’attestato di partecipazione.

Legambiente, Tutte le iniziative per il 2018

by introw on

Legambiente ha preparato una serie di importanti iniziative che occuperanno l’agenda fino al 2018. La nota associazione ambientalista italiana, nata nel 1980, ha organizzato convegni e seminari, ma anche tanti progetti e iniziative educative che tratteranno il tema dello sviluppo sostenibile.

Tra le principali troviamo il Premio Libro per l’ambiente, un riconoscimento letterario che è promosso da Legambiente e da La Nuova Ecologia. La manifestazione è giunta alla XX edizione, e offre la possibilità ai giovani tra gli 8 e i 14 anni di valutare i libri migliori che trattino il tema dell’ambiente. Nello specifico, tra i libri proposti dalle case editrici, vi sono due particolari sezioni, che sono di divulgazione scientifica e narrativa. Le tematiche potranno spaziare tra “Ambiente e Spazi di vita”, “Arte e Territorialità”, “Educazione alla Pace” e “Salute e Alimentazione”.

Un’altra iniziativa è “Nontiscordardimé – Operazione scuole pulite”. Nel mese di marzo 2018 si terrà questa giornata di volontariato ambientale e culturale per le scuole. La prima parte della giornata permette effettuare attività di manutenzione con l’aiuto di bambini, genitori e cittadini. Nella seconda parte invece la scuola ospiterà attività di vario genere (musicali, sportive e culturali) per creare legame tra scuola e territorio. Il tema della giornata sarà la rigenerazione e cura degli spazi scolastici.

Navi per i collegamenti con la Sardegna

by introw on

La Sardegna è una delle mete più ambite da turisti italiani e stranieri. Ogni anno sono una moltitudine quelli che affollano le spiagge di questa isola. Perché la Sardegna riscuote tutto questo successo? La risposta, forse banale, è che è il mare ad attirare tutti i turisti. Sicuramente il mare è uno dei punti forti della regione, ma non è il solo. La Sardegna, infatti, offre un mix di bellezze e caratteristiche che la rendono unica e dà l’idea, a molti italiani, di essere una meta quasi esotica, con la certezza, però, di rimanere in Italia.
Inoltre si tratta di una ragione così poliedrica che va incontro alle esigenze di tutti. La Sardegna, infatti, è una vacanza in costa Smeralda, la zona dei vip, ma è anche affittare una casa in una zona tranquilla e staccare da tutto lo stress cittadino. La Sardegna è atterrare all’aeroporto di Olbia ed essere in spiaggia in pochissimo tempo, ma è anche muoverti con la tua auto dopo essere arrivato in traghetto o tramite una nave Moby per la Sardegna, perché vuoi visitare il più possibile.

Una terra così bella, così ricca, così magica non può fare altro che attirare turisti da tutto il mondo, nonostante, alle volte, i prezzi dei traghetti siano proibitivi e le tratte scomode e sconvenienti. Chi ama la Sardegna, però, trova il modo di arrivarci, consultando tutte le tariffe proposte dalle diverse compagnie, informandosi con largo anticipo, cercando di approfittare delle offerte speciali e scegliendo ciò che va più incontro alle proprie possibilità.

I diffusori di oli essenziali sono l’accessorio domestico perfetto per quelle persone che desiderano provare a ricercare un benessere psico-fisico all’interno della propria casa e, perché no, in ufficio. Per ognuno di noi vi sono profumi, aromi che vengono ricollegati a date situazioni, ma al tempo stesso ci sono odori che permettono oggettivamente di influenzare il nostro inconscio. E’ grazie a tale concetto che l’aromaterapia ha trovato grande diffusione per assecondare la cura del benessere fisico e psichico di ogni persona, sfruttando direttamente l’uso di oli essenziali. Questa terapia si manifesta con l’uso di un diffusore essenze, che è il mezzo diretto per mettere in atto questo concetto. Sul mercato troverai una vasta gamma di modelli che si differenziano per dimensioni, materiale e colore.

I diffusori di oli essenziali a freddo

Per avere un appartamento accogliente e moderno, ti consigliamo di affidarti ai modelli di diffusori di essenze a ultrasuoni, o detti anche freddi. Sono in grado di ionizzare e purificare l’aria di casa tua per renderla più sana e salutare per te e i tuoi bambini. La particolarità di questi dispositivi è quella di riuscire a liberare ioni negativi che sono in grado di pulire l’aria privandola di tossine. Inoltre in questo caso oltre a poter sempre sfruttare l’aromaterapia, potrai anche abbinarla alla cromoterapia, per mezzo di led colorati con diverse tonalità personalizzabili che potranno sempre creare la giusta atmosfera. La cromoterapia si basa sui benefici che ogni colore riesce a donare al corpo e alla mente, andando a stimolare sensazioni particolari. Per esempio il blu è rilassante, il rosso è considerato energizzante e il viola stimola la creatività.

Prenotazione Traghetti per la Sardegna

by introw on

Prenotare il proprio biglietto per i traghetti Sardegna Grimaldi alle volte, soprattutto per chi è alle prime armi, può sembrare un’impresa quasi impossibile. Le compagnie che offrono il servizio sono molte, i siti di ciascuna hanno regole diverse, ma chi fa davvero al caso nostro? Come fare a rivolgersi al migliore? Ognuno farà le proprie valutazioni sulla base delle proprie esigenze, del proprio budget e di iò che sta cercando. Di seguito, però, si offre una breve panoramica sulle compagnie che si occupano delle traversate verso la Sardegna e sui rispettivi siti web, che sono al giorno d’oggi strumenti importanti per avere informazioni e prenotare i propri biglietti.

SNAV: il sito di questa compagnia è semplice da utilizzare e completo. La Snav offre tratte da Civitavecchia, Napoli, Palermo, Olbia, Cagliari. Il sito aiuta a orientarsi facilmente nelle tratte e a individuare il proprio porto di arrivo e partenza.
CARONTE & TOURIST: la compagnia è nata dalla fusione tra le due e la storia è raccontata sul sito, nella schermata iniziale. E’ semplice prenotare e acquistare i propri biglietti online. L’idea originale è quella di aver messo due webcam in due porti dove attraccano le navi per seguire online le operazioni di imbarco in diretta.
DIRECT FERRIES: questo non è il sito di una compagnia, ma è un sito comodo per le prenotazioni online. Raccoglie, infatti, le offerte di diverse compagnie, divise per destinazione, è perciò facile orientarsi verso ciò che serve. Attraverso la guida online è semplice e comodo prenotare il proprio biglietto.
TRAGHETTI: l’aspetto più interessante di questo sito non è tanto la possibilità di prenotare i biglietti, ma la parte informativa. Offre, infatti, moltissime informazioni sulle compagnie di trasporti e link utili per il visitatore che cerca informazioni e notizie. E’ inoltre presente un blog che parla dell’argomento navigazione.
AFERRY: è sicuramente il portale leader per la prenotazione di traghetti, sul sito sono presenti mappe, informazioni, link utili, guide di viaggio, oltre che orari e tratte per ogni destinazione. Inoltre sono presenti le ultime offerte, un motore per confrontare i prezzi e individuare quello più basso, per un determinato periodo, operatore, o tratta.
Questa è solo una breve panoramica, ma è evidente che chi vuole organizzare la propria vacanza in Sardegna ha solo l’imbarazzo della scelta per potersi informare e per individuare l’offerta e la compagnia che meglio rispondono alle proprie aspettative. Cercare, infine, di muoversi per tempo permette di poter scegliere con più calma e serenità.

Sai che cos’è un estrattore di succo a freddo? Sicuramente avrai sentito parlare di questi famosissimi slow juicer, per dirla all’inglese, che hanno ormai conquistato il mercato in lungo e in largo. Il loro grande successo è dovuto prevalentemente alla possibilità di seguire uno stile alimentare sano basato sul corretto apporto di frutta e verdura in forma liquida. La caratteristica principale di questi dispositivi è quella di lavorare con grande lentezza durante la spremitura, o meglio l’estrazione. Riescono a produrre grandi quantità di succo senza sprechi e impurità, salvaguardando sempre le vitamine e i nutrienti che rendono tanto importanti frutta e verdura. Inoltre con gli scarti che si ottengono dall’estrazione potrai preparare ulteriori ricette, come per esempio minestroni, zuppe o torte salate.

L’efficienza dell’apparecchio si esprime anche nell’estrema facilità con cui si realizza la fase di pulizia e di uso: bastano pochi minuti per avviarlo e ottenere succhi gustosi e multivitaminici e altrettanto poco tempo per pulirlo con il solo uso di un po’ di acqua. Non dimentichiamo inoltre che ti aiuterà a preparare ricette di succhi di frutta e verdura, ma anche latte vegetale (hai mai provato quello di mandorla che è perfetto per il nostro organismo) e cocktail gustosi da consumare durante le serate in compagnia dei tuoi amici.

estrattore di succo

estrattore di succo

Quanto costa mangiare sano?

E’ sicuramente la domanda principale che ci si pone in fase di acquisto: abbiamo detto che è un elettrodomestico di ottime qualità, facile da usare e pratico da pulire. Viene spesso realizzato con i migliori materiali e molti brand lo progettano per essere prima di tutto un oggetto di arredamento, così da massimizzare il livello di qualità estetica e produttiva. In commercio troverai numerose varianti offerte a un prezzo che oscilla tra i 100 e i 700 euro, ovviamente solo se parliamo di prodotti che siano davvero professionali e capaci di tutto.

Come capirai quindi è un oggetto versatile che potrà garantire una serie di importanti caratteristiche senza richiedere per forza una spesa eccessiva. Ultimo fattore da non ignorare è legato alla totale assenza di rumore (ovviamente nei modelli di qualità) che permetterà di avviarlo senza neppure rendersi conti della sua fase di lavorazione. Sono molte le persone che incontrano difficoltà nel consumare frutta e verdura, ma grazie agli estrattore a freddo di succo il tuo fabbisogno giornaliero potrà finalmente essere rispettato.  Il tuo perfetto alleato in cucina è pronto per cambiarti la vita: ora non devi fare altro che trovare il modello più adatto a te.

Tetto solare Tesla: ora le case diventano green

by introw on

Se potessi avere una casa green e rigorosamente autonoma, che cosa faresti? E’ giunto il momento di chiederselo seriamente, perché l’attesa è finita: Tesla ha deciso di svelare i nuovi prodotti che strizzano l’occhio all’energia rinnovabile per il mercato consumer. Oltre a puntare sulla sua nuova auto Model 3, dopo aver anche acquisito SolarCity, l’azienda di Elon Musk ha deciso di entrare anche nel mondo dei pannelli solari per uso domestico e industriale. Si chiama Solar Roof ed è in tutto e per tutto un affascinante tetto solare Tesla che ti permetterà di produrre energia rinnovabile in totale autonomia, senza dover applicare ingombranti pannelli. Da quando il progetto è stato annunciato si è subito creata grande curiosità attorno alle tegole solari che sono una valida alternativa ai classici pannelli fotovoltaici. Un’idea che sembrava essere pretenziosa in un primo momento, ma che ora come non mai sembra concretizzarsi per cambiare completamente l’idea di casa e di energia: basterà montare le SolarRoof per raggiungere un’efficienza che è pari al 98%.

Come ha spiegato da Musk le speciali tegole potranno assorbire l’energia del sole e sono pensate per resistere ad ogni condizione climatica, compresi piccoli accumuli di neve che riuscirà a sciogliere sfruttando una funzione interna. A livello estetico si presentano come normali tegole e saranno disponibili in quattro modelli così da attirare un vasto target di clientela con esigenze diverse. Le finiture di questi 4 esemplari saranno personalizzate e si presenteranno sul mercato con il nome di Tuscan Glass Tile, Slate Glass Tile, Textured Glass Tile e Smooth Glass Tile. Al momento però Tesla non ha ancora fornito le specifiche energetiche e neppure i suoi prezzi, ma si ipotizza che le prime installazione possano partire già dalla prossima estate.

Contemporaneamente però l’azienda ha presentato anche un altro importante progetto per la casa, il Powerwall 2, ovvero la seconda generazione di accumulatori domestici. In questo caso sappiamo che la batteria può archiviare fino a 14 kWh di energia che avrà una potenza d’uscita di 5Kwh; il tutto sarà inserito sul mercato al prezzo di 5.500 dollari. Anche in questo caso è chiara la volontà di poter garantire prodotti che possano rendere autonoma la gestione energetica di ogni persona, rendendo completamente sostenibili le abitazioni.

Macchine, accumulatori e pannelli solari: sembra chiaro che Tesla non voglia limitarsi a questo, ma spaziare in modo da conquistare nuovi settori che mantengano fede al concetto base dell’azienda, ovvero l’ecosostenibilità.