Rivoluzione energetica: cala il prezzo di eolico e fotovoltaico nel 2020

by introw on

Entro il 2019, grazie a progetti fotovoltaici ed eolici ottimizzati, sarà possibile ottenere energia elettrica a 3 centesimi di dollaro/kWh. Il dato è molto ridotto se pensiamo al prezzo attuale, fissato sui 5 – 17 centesimi di dollar/kWh per energia tramite combustibili fossili. A dirlo è il nuovo rapporto “Renewable Power Generation Costs in 2017” che è stato presentato ad Abu Dhabi durante l’assemblea dell’International renewable energy association (Irena).

Sul fronte italiano è previsto un target quantitativo del 28% di rinnovabili, da calcolare sui consumi complessivi al 2030, oltre a un target elettrico del 55%. Al tempo stesso è sottolineata l’intenzione di fermare la produzione di energia elettrica partendo dal carbone.

Gli obiettivi futuri delle energie rinnovabili

L’Irena vuole fornire una guida strategica e svolgere un ruolo chiave nel guidare una trasformazione energetica su scala globale. Nel report che è stato presentato, oltre ad inserire i risultati che sono già stati raggiunti grazie alle energie rinnovabili, sono presenti anche gli obiettivi futuri. Tra questi citiamo una ricerca sull’energia eolica, disponibile a un costo pari a qualsiasi altra fonte. Inoltre vi è grande attenzione sul fotovoltaico, argomento di cui tratta http://www.batteriadomestica.it, il cui prezzo è già diminuito del 73% se consideriamo i dati del 2010, per arrivare a un nuovo ribasso entro il 2020.

I nuovi progetti commissionati lo scorso anno, per il settore bioenergia e geotermia, hanno un costo medio globale di circa 7 centesimi di dollaro / kWh. Ennesimo dato che indica il buon andamento verso il futuro: entro il 2020 si ipotizza che le tecnologie per produrre energia rinnovabile sapranno battere sul prezzo i combustibili fossili.

Vantaggio ambientale ed economico

I dati ottenuti nell’ultimo anno testimoniano quindi la parità di costi tra i combustibili fossili e i progetti di bioenergia, geotermici e idroelettrici. E il trend tenderà sempre di più verso un buon livello di economia. Innovazioni tecnologiche, nuovi driver e le riduzioni dei costi sono in grado di rendere sempre più competitive le novità del settore rinnovabili, portando a nuove opportunità di mercato.

Irena ha le idee ben chiare e sa che questo tipo di strada da percorrere non è solo un’ottima scelta a livello ambientale, ma rappresenta anche un grande vantaggio a livello economico. Per questo ci si aspetta che i governi mondiali riconoscano il potenziale di queste energie e seguano economie low-carbon con l’aiuto di sistemi energetici che sono basati proprio su fonti rinnovabili.

Il grande progetto ha una data: entro il 2020 si attendono conferme a livello mondiale.

Written by: introw

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *